Candela di Accensione Motore Auto: Quando sostituirla e Quale acquistare

Vuoi sapere a cosa serve e com’è fatta la candela della macchina? stai cercando la migliore candela dell’auto perché è giunto il momento di sostituirla? allora ti consiglio di continuare con la lettura!

Com’è fatta e come funziona una candela auto

La candela di accensione della macchina è avvitata alla testa di ogni cilindro, ha il compito di innescare la combustione del mix carburante/aria che arriva in quest’ultimo tramite le valvole di aspirazione e che viene compresso dal pistone. L’innesco avviene mediante una scintilla generata tra due elettrodi presenti nella parte inferiore della candela, zona che è a diretto contatto con la camera di combustione.

candele di accensione

La scintilla creata tra i due elettrodi può raggiungere i 30.000 Volt e un calore di 1000°C. Questa viene generata alla fine di ogni fase di compressione del pistone, in modo che lo scoppio di altra benzina generi nuovamente una pressione sufficiente per spingere il pistone verso la zona inferiore del cilindro ad una velocità che, in fase di espansione, è di circa 20 metri al secondo. Tieni presente che una candela di accensione è in grado di generare dalle 500 alle 1500 scintille al minuto.

La candela per auto è realizzata con diversi componenti che hanno un ruolo ben preciso, vediamo quali sono:

candela auto caratteristiche
  • Connettore: è la zona filettata superiore della candela, serve a collegarla alla pipetta del circuito elettrico che fornirà l’alimentazione per generare le scintille;
  • Corpo ceramico: si tratta del rivestimento esterno della candela, è diviso in tre zone: il corpo, le coste e l’isolatore. Questo rivestimento ha il compito di aumentare la resistenza della candela e di isolare la scossa elettrica.
  • Corpo metallico: questa zona e l’elettrodo di massa entrano entrambe in contatto con il cilindro del motore. Il corpo metallico è costituito da una parte filettata, dall’esagono per avvitare la candela al cilindro e da una coppia di elettrodi.
  • Elettrodi: All’interno della candela sono presenti due elettrodi, quello centrale è positivo ed è quello da dove parte la scintilla, quello saldato al corpo metallico è invece quello di massa. Il loro compito è quello di innescare la benzina presente nella camera di combustione.

Candele accensione auto più vendute

Come capire se le candele sono da sostituire?

La durata della candela varia in base alla tipologia e al tipo di veicolo sulla quale è montata. Detto questo, generalmente una candela va sostituita:

  • Fra i 15.000 ed i 20.000 km per i veicoli più datati.
  • Fra i 40.000 ed i 60.000 km per i veicoli più recenti.

Come puoi immaginare, le candele di avviamento sono componenti molto soggetti ad usura: con il passare del tempo, gli elettrodi possono sporcarsi (con sostanze provenienti dalla combustione) oppure consumarsi, limitando o impedendo la generazione di scintille che servono al funzionamento del motore. Ma come si fa a capire quando è ora di pulire o di sostituire le candele dell’auto?

Partendo dal presupposto che le candele andrebbero controllate e pulite ogni 10.000 km circa, i sintomi che possono apparire in caso di un loro malfunzionamento sono:

  • Difficoltà nell’accensione del veicolo, il motore fa fatica ad avviarsi;
  • L’automobile procede a sobbalzi;
  • Eccessive vibrazioni quando il motore è al minimo dei giri;
  • Auto poco scattante e accelerazione ritardata;
  • Aumento dei consumi a parità di percorrenza.

In caso dovesse presentarsi uno o più di questi “sintomi”, ti consiglio di verificare immediatamente lo stato delle candele e procedere con la loro pulizia, o meglio ancora, con la loro sostituzione.

Migliori set di candele accensione auto

1. Bosch FR78X (N50) – Set di 4 candele per auto

Ho deciso di iniziare la lista con questo set di 4 candele per auto. Personalmente consiglio di cambiare tutte le candele in un intervento di manutenzione unico, questo consente di ridurre in numero di interventi e, inoltre, di avere la certezza che le candele abbiano la stessa anzianità/efficienza. Con questo set avrai quindi tutto in necessario per effettuare un cambio candele completo al tuo motore.

Le Bosch FR78X sono dotate di elettrodi con una distanza preimpostata dal produttore con valori “universali”, non dovrai quindi provvedere alla regolazione manuale. Non è inoltre necessario provvedere alla lubrificazione di nessuna delle loro parti. Si tratta di candele molto efficienti e resistenti, il materiale costruttivo in ceramica ha un’elevata resistenza al calore e alle sollecitazioni. La loro filettatura nichelata antigrippaggio protegge il motore e non teme la corrosione. Se stai cercando delle candele per auto efficienti e di qualità, questo set fa sicuramente al caso tuo. Ovviamente ricordati di verificare la compatibilità con il tuo veicolo direttamente dalla scheda prodotto che trovi cliccando qui sotto!

In Offerta
Bosch FR78X (N50) - Candele Super 4 - Set di 4
  • Candele facili da sostituire: distanza tra gli...
  • Alta affidabilità: protezione ottimale contro le...

2. Brisk – Set 4 Candele accensione per Auto a Benzina, Gpl e Metano

Questo set di candele è sicuramente il più indicato in caso la tua auto fosse dotata di un impianto GPL o metano. Anche in questo caso la confezione comprende 4 candele di accensione, potrai quindi effettuare una sostituzione e una manutenzione completa. Stiamo parlando di un prodotto molto affidabile e che garantisce un’ottimale combustione e utilizzo del carburante. La loro durata è stimata a circa 30.000 km in caso di alimentazione a gas e 45.000 km per alimentazione a benzina. Dal punto di vista delle caratteristiche tecniche, l’elettrodo contiene una percentuale di argento, la filettatura ha un diametro M14 x 1.25 e una lunghezza di 19 mm. La distanza tra gli elettrodi delle Brisk 1462 è di 0,9 mm.

Brisk – Candele accensione Auto, Benzina Gpl, Cng, 4...
  • con elettrodo in argento
  • per impianti GPL / METANO

3. Bosch Iridium FR6HI332 – set 4 candele

Come ultimo set di candele auto mi sento di consigliarti le Bosch Iridium FR6HI332. Anche in questo caso la confezione comprende 4 pezzi, il prezzo è abbastanza elevato ma più che giustificato dall’elevata qualità di queste candele all’iridio. Nel dettaglio, le Bosch Iridium FR6HI332 hanno un angolo di serraggio di 90 gradi e una coppia di serraggio pari a 28. Nm. La filettatura esterna da 14 mm ha una lunghezza di 19 mm e un passo di 1,25 mm. Per ultimo, la distanza degli elettrodi è di 0,8 mm.

In Offerta
4 candele originali Bosch Iridium FR6HI332
  • Si prega di consultare la tabella di...
  • Contenuto della confezione: 4 candele originali...

Tipi di candele per auto

1. Candele in rame o nichel

Le candele con nucleo in rame sono le più semplici ed economiche che puoi trovare in commercio. Si tratta della tipologia più comune, anche se sono state praticamente sostituite dalle candele al platino e all’iridio, questo per merito delle loro elevate prestazioni, efficienza e durata. Mentre molti motori moderni non possono funzionare con le candele di rame, la maggior parte di quelli datati risultano più prestanti se dotati di candele di rame.

2. Candele al Platino

Le candele al platino offrono prestazioni ed efficienza del carburante migliorate rispetto alle candele in rame, ma a un prezzo notevolmente inferiore rispetto alle candele all’iridio. Proprio come le candele all’iridio, le candele al platino funzionano a una temperatura inferiore rispetto alle candele in rame e hanno una durata di vita nettamente superiore. Questa tipologia è caratterizzata dalla dalla presenza di un riporto di platino sull’elettrodo centrale, questo permette una produzione costante di scintille anche in condizioni difficili. Tieni inoltre presente che l’elettrodo centrale è molto sottile, dettaglio che comporta una minore richiesta di tensione e una combustione ottimale.

3. Candele Doppio platino

Le candele a doppio platino offrono prestazioni, efficienza e longevità ancora maggiori rispetto alle candele viste poco sopra. Inoltre, le candele a doppio platino sono ancora più economiche delle candele all’iridio. Per avere una differenza “sostanziale” dal platino singolo, cerca le candele che utilizzano platino sia nell’elettrodo che nel cappuccio.

4. Candele all’iridio

Le migliori candele sul mercato vantano una costruzione in iridio. Le candele Iridium offrono una resa notevole con prestazioni, affidabilità e longevità addirittura maggiori delle candele a doppio platino. Grazie al materiale avanzato e alla tecnologia innovativa integrata utilizzata nelle candele all’iridio, queste hanno un prezzo superiore rispetto alle controparti in rame e platino. Le candele Iridium sono perfette per essere utilizzate su motori ad alte prestazioni.

L’iridio è un metallo molto pregiato e uno fra i più duri al mondo, il suo punto di fusione supera i 2450°C e ha un’elevatissima resistenza all’erosione causata dalle scintille. Tutte queste straordinarie caratteristiche garantiscono una durata doppia rispetto a quella delle candele tradizionali dotate di elettrodi al nichel.

Caratteristiche principali di una candela per auto

1. Distanza (GAP) degli elettrodi

Ogni candela è dotata di due elettrodi separati tra loro, questa distanza può essere modificata in base a quanto richiesto dal motore sul quale andremo a montare le candele. Stiamo parlando dell’unico parametro regolabile e, per modificarlo in base a quanto richiesto dalla casa produttrice, è necessario utilizzare uno strumento chiamato “spessimetro”. Tieni comunque presente che molte candele oggi in vendita vengono fornite con una distanza tra gli elettrodi preimpostata in fabbrica “universale” e dove non è necessaria nessuna regolazione.

La distanza tra i due elettrodi è indicata con il termina GAP. Impostare una misura errata potrebbe comportare una combustione non ottimale e si rischierebbe di danneggiare la candela in maniera irreparabile. Un GAP troppo stretto potrebbe far generare alla candela delle scintille troppo potenti, aumentando il pericolo di far surriscaldare gli elettrodi. Al contrario, un GAP troppo largo comporterà delle scintille troppo deboli per innescare in maniera efficiente il carburante.

Come appena accennato, le candele sono generalmente progettate per avere uno spinterometro che può essere regolato utilizzando uno spessimetro. Proprio grazie a questa caratteristica, una singola candela può essere utilizzata su più motori, anche se ognuno di questi richiede candele con un GAP differente. Le candele per auto in genere hanno una distanza tra 0,6 e 1,8 millimetri (0,024 e 0,071 pollici). Utilizzare un misuratore di spazio per misurare lo spazio della spina per assicurarsi che rientri nell’intervallo specificato.

2. Materiale

Come abbiamo accennato ad inizio guida, quando acquisti delle candele per auto è importante considerare quale materiale si adatta meglio alle tue esigenze. Il rame è l’ideale per i veicoli di modelli più datati, mentre il platino e l’iridio sono più indicati per i motori moderni senza distributori. Platinum offre un ottimo mix di economia, prestazioni e longevità. Iridium offre un mix ancora più performante ma a un costo maggiore. Alla fine, usa sempre la candela indicata dalla casa produttrice della tua auto.

3. Dimensioni

In commercio si possono trovare candele di accensioni con dimensioni molto differenti tra loro. Generalmente, le candele con un diametro ridotto vengono utilizzate solo nei motori a 4 tempi più performanti e con valvole a fungo larghe. Nei restati casi si montano candele con un diametro largo e con un esagono dalle dimensioni maggiori.

Non bisogna dimenticarsi anche della lunghezza della filettatura. Le candele con una filettatura lunga sono progettate per essere montate su motori grandi come quelli delle auto. Le filettature corte sono invece studiate per motori più piccoli che spesso e volentieri vengono montati sugli utensili a scoppio.

Un modo importante per specificare le candele è la dimensione della filettatura o del dado. Negli Stati Uniti, le dimensioni tipiche di filettatura e dado sono le seguenti: 10 millimetri (dado: 16 millimetri), 12 millimetri (dado: 14 millimetri, 16 millimetri o 17,5 millimetri), 14 millimetri (dado: 16 millimetri o 20,63 millimetri) e 18 millimetri (dado: 20,63 millimetri). 

4. Grado termico

Questa caratteristica varia in base all’isolante utilizzato per ricoprire l’elettrodo centrale (solitamente porcellana).Una candela è specificata come “calda” se è un migliore isolante termico e quindi disperde pochissimo calore. Al contrario, è classificata come “fredda” se disperde un’elevata quantità di calore, questa caratteristica la rende ideale per motori molto potenti. In generale, i produttori indicano il grado termico di una candela con un numero, con alcuni marchi che usano numeri crescenti per candele più calde e altri che fanno il contrario per candele più fredde.

Come cambiare la candela della macchina

Come hai avuto modo di vedere, le candele dell’auto vengono vendute sia singolarmente oppure in confezioni contenenti più pezzo. Il mio consiglio è quello di sostituirle sempre tutte insieme. Ricordati di non montare sullo stesso motore candele aventi una marca o codici differenti, utilizza quindi candele della stessa marca e con lo stesso codice, così facendo avrai la certezza che la combustione sarà omogenea per ogni cilindro.

  1. Rimuovere i pacchi bobine o i cavi delle candele dai terminali delle candele estraendoli dalla parte superiore del motore. In alcune applicazioni, potrebbe essere necessario rimuovere una copertura, clip o alcuni dispositivi di fissaggio per accedere ai pacchi bobine o collegare i cavi per la rimozione.
  2. Pulisci l’area intorno ai tubi della candela, magari usando un getto di aria compressa, per liberare l’area da eventuali detriti che potrebbero altrimenti finire all’interno del motore una volta rimossa la vecchia candela.
  3. Utilizzando una presa per candele, allentare ciascuna candela e rimuoverla, tirandola verso l’alto.
  4. Reinstallare le nuove candele, verificando che siano adeguatamente distanziate (se necessario) e serrandole al livello di coppia specificato per garantire una perfetta aderenza.
  5. Ricollegare ogni filo della candela o pacco bobina e reinstallare eventuali coperture, elementi di fissaggio o clip.
  6. Ripetere per ogni spina.
Cosa ne pensano i lettori:
[Total: 1]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.