Spia Avaria Motore Accesa: 5 principali cause e cosa fare

Se avete mai provato quella fastidiosa sensazione di preoccupazione scaturita dall’improvviso accendersi della spia del motore, vi sarete sicuramente interrogati sul suo significato e sulle misure da adottare. Tipicamente, questa spia si presenta con un colore ambra e si posiziona sul cruscotto, proprio dietro al volante. Si attiva quando i sensori del veicolo individuano un’anomalia nel motore o in altri elementi del sistema di trasmissione.

Nei veicoli a benzina e diesel, la spia avaria motore sul cruscotto è spesso il primo indicatore di un potenziale guasto. Questo segnale è presente anche nelle autovetture ibride ed elettriche. Il suo scopo primario è quello di segnalare tempestivamente un eventuale problema, al fine di evitare danni più gravi al motore o ad altre parti meccaniche. La spia del motore gialla è una delle più frequenti e può essere anche riferita come spia di “controllo motore” o “gestione motore”.

Alcune automobili possono anche attivare la cosiddetta “modalità limp”, un sistema che riduce la potenza del motore per proteggerlo, consentendo tuttavia al guidatore di raggiungere un luogo sicuro.

Cos’è la spia del motore?

Spia motore

La spia del motore ha il compito di segnalare al conducente un’anomalia nel veicolo. Tuttavia, la sua accensione non implica necessariamente un danno grave al motore. A differenza di altri indicatori sul cruscotto, come la spia del surriscaldamento del liquido di raffreddamento oppure quella che indica il basso livello dell’olio, la spia di avaria del motore non specifica un problema preciso. Essa funge da avviso generico che qualcosa non sta funzionando correttamente e può essere scatenata da una varietà di cause, che esamineremo in questo articolo.

Una spia di gestione del motore (EML) può accendersi in due modi: lampeggiante o costantemente accesa. In entrambi i casi, è un chiaro segnale che il motore non sta operando come dovrebbe. L’EML, generalmente rappresentata da un’icona stilizzata del motore, si illumina per indicare la necessità di ulteriore assistenza tecnica. Nella maggior parte dei casi, è indispensabile collegare l’auto a un’apparecchiatura diagnostica per identificare con precisione la natura del guasto. Questa operazione può essere effettuata in un centro assistenza qualificato o, in alcuni casi, direttamente nel garage di casa.

In alcuni modelli di auto più datati, la spia di avaria del motore può lampeggiare un numero specifico di volte per indicare la natura del problema. In questi casi, contare il numero di lampeggi prima di una breve pausa può rivelare un codice di errore. Questo codice, consultabile nel manuale dell’auto, fornisce indicazioni precise sul tipo di malfunzionamento riscontrato.

Posso guidare con la spia del motore accesa?

La risposta a questa domanda dipende dalla situazione specifica e dal colore della spia. Molti veicoli adottano un sistema di codifica a colori per la spia del motore, dove i colori ambra e rosso rappresentano diversi livelli di urgenza.

Una spia del motore di colore giallo/ambra non segnala necessariamente una situazione di emergenza immediata, il che significa che, in genere, si può continuare a guidare fino a raggiungere la destinazione. Tuttavia, è fondamentale consultare un tecnico specializzato al più presto per diagnosticare e risolvere il problema.

D’altra parte, se la spia del motore è rossa, è un segnale di allarme che richiede un’azione immediata. In questo caso, è consigliabile fermarsi in un luogo sicuro non appena possibile e organizzare il trasporto del veicolo in un’officina. Continuare a guidare con la spia del motore rossa potrebbe causare danni seri e costosi al motore. È importante non sottovalutare questo segnale e agire con prudenza per garantire la sicurezza e l’integrità del veicolo.

Come si spegne la spia di avaria del motore?

In passato, alcune autovetture più datate includevano nella loro documentazione istruzioni specifiche per controllare e resettare le spie del motore. Tuttavia, con l’avanzamento tecnologico e la crescente complessità dei sistemi automobilistici moderni, questa pratica è diventata meno comune. Oggi, nella maggior parte dei casi, è necessario rivolgersi a un tecnico specializzato per diagnosticare il problema e procedere al reset della spia.

È possibile acquistare lettori diagnostici OBD-2 in modo da poter intervenire direttamente sul veicolo senza aver particolari competenze tecniche, tutto questo con un range di prezzi che varia in base alla marca e alle funzionalità offerte dal dispositivo. Tutte le auto moderne sono dotate di una presa standard da utilizzare per collegare questi scanner, conosciuta come OBD-2 (On-Board Diagnostics), che si trova solitamente sotto il cruscotto. Collegando il lettore a questa presa, è possibile identificare un codice di errore che indica la causa specifica dell’attivazione della spia del motore e, in alcuni casi, è possibile anche resettare la spia direttamente dal dispositivo.

Tuttavia, pur essendo uno strumento utile e accessibile, è importante sottolineare che l’uso di un lettore diagnostico non sostituisce l’esperienza e le competenze di un meccanico professionista. Pertanto, si consiglia vivamente di portare il veicolo in un’officina specializzata per un’analisi approfondita. Questo approccio garantisce non solo il corretto reset della spia, ma anche l’identificazione e la risoluzione efficace della causa sottostante, assicurando così la sicurezza e la corretta funzionalità del veicolo.

Nota: se vuoi intervenire in maniera autonoma, allora leggi la mia guida su come spegnere la spia avaria motore.

Le 5 principali cause che provocano l’accensione della spia motore

1. Guasto al sistema delle emissioni

Per minimizzare l’impatto ambientale dei veicoli, i motori a combustione sono dotati di sofisticati sistemi per il controllo delle emissioni. Questi sistemi, complessi e costituiti da numerosi componenti, possono a volte presentare malfunzionamenti che portano all’accensione della spia del motore.

Un elemento fondamentale in questi sistemi è il sensore dell’ossigeno (o sensore 02 o sonda lambda) che ha il compito di misurare la quantità di ossigeno non bruciato che transita attraverso il sistema di scarico del veicolo, fornendo indicazioni preziose sul rapporto aria/carburante nel motore. Se dallo scarico esce una quantità ridotta di ossigeno, ciò indica che il motore sta operando in condizioni “ricche” di carburante, mentre un’eccessiva presenza di ossigeno segnala un funzionamento “magro”, ovvero con una carenza di carburante.

Se l’accensione della spia di avaria del motore è causata dal sensore di ossigeno, allora può significare che il motore sta funzionando con un rapporto aria/carburante troppo ricco o troppo magro. In alternativa, potrebbe indicare un malfunzionamento del sensore stesso. Per risolvere questo tipo di guasto, può essere necessario riprogrammare o ricalibrare l’unità di controllo del motore (ECU), o in alcuni casi, procedere alla sostituzione del sensore di ossigeno. Queste operazioni richiedono l’intervento di un tecnico specializzato, in grado di diagnosticare accuratamente il problema e di intervenire con le adeguate correzioni.

2. Filtro antiparticolato diesel intasato o guasto al sensore di pressione differenziale

Anche se molte auto sono dotate di una spia dedicata al filtro antiparticolato (FAP), altre si affidano alla spia di avaria del motore (EML) per segnalare problemi. Quest’ultima può attivarsi anche in caso di anomalie nel sensore di pressione, un componente che valuta ha il compito di monitorare il flusso dei gas di scarico, inclusi quelli che attraversano il filtro antiparticolato (FAP), filtro che ha la funzione di catturare e rimuovere le particelle nocive dagli scarichi, contribuendo a ridurre l’inquinamento atmosferico.

Con il tempo, il FAP può intasarsi a causa dell’accumulo di particelle fuligginose, rendendo difficile il passaggio dei gas di scarico. Quando il sensore di pressione differenziale rileva che il filtro sta per raggiungere il suo limite di capacità, il motore inizia un processo noto come rigenerazione FAP. Questo processo comporta un consumo extra di carburante per aumentare la temperatura dei gas, bruciando così le particelle accumulate che vengono poi espulse sotto forma di cenere fine.

L’accensione della spia di avaria motore, o in alcuni casi di una spia FAP specifica, può indicare un fallimento nel processo di rigenerazione. Le auto diesel usate principalmente per brevi tragitti urbani spesso non raggiungono la temperatura necessaria per la rigenerazione. Se il FAP non si rigenera, si ostruisce, compromettendo la funzionalità del motore. Per prevenire questo problema, è consigliabile utilizzare l’auto diesel per tragitti più lunghi di tanto in tanto, oppure considerare l’acquisto di un veicolo a benzina o elettrico.

Un sensore di pressione differenziale difettoso può causare problemi simili, fornendo letture inesatte o assenti. In tal caso, l’unità di controllo del motore (ECU) potrebbe non essere in grado di determinare lo stato di riempimento del FAP, attivando una modalità di funzionamento ridotto o di emergenza fino a che il guasto non venga risolto.

In caso di intasamento del FAP, un’officina specializzata dovrebbe essere in grado di eseguire una “rigenerazione forzata” tramite apparecchiature diagnostiche. Tuttavia, il primo passo è sempre verificare che il sensore di pressione differenziale fornisca letture corrette.

3. Debimetro

Il debimetro, un componente che ha i compito di misurare la quantità d’aria e di carburante che servono al motore per funzionare correttamente, gioca un ruolo cruciale nel fornire all’ECU (unità di controllo del motore) dati precisi sul flusso d’aria che entra nel motore. Senza queste informazioni, l’ECU è costretta a basarsi su stime, attivando una serie di parametri “sicuri” per mantenere il veicolo operativo in caso di guasto. Questo stato di funzionamento ridotto è comunemente noto come “modalità limp” e può essere scatenato da dati imprecisi o mancanti provenienti dal debimetro. In questa situazione, è possibile notare una riduzione della potenza del motore e/o una risposta rallentata all’accelerazione.

Il debimetro è posizionato nella parte superiore del motore, lungo il percorso dell’aria che ha appena attraversato il filtro dell’aria. Un filtro dell’aria montato in modo errato o addirittura assente può danneggiare il sensore, permettendo a particelle nocive di entrarvi in contatto.

D’altra parte, un filtro dell’aria ostruito, che non consente il passaggio di sufficiente aria, può generare un segnale che indica un funzionamento “ricco” del motore, ovvero con un eccesso di carburante rispetto all’aria. Se il segnale del debimetro è assente o si discosta dai parametri normali, l’effetto sarà lo stesso: l’attivazione della spia del motore. Questo segnala la necessità di un controllo del sistema, poiché un debimetro difettoso può influenzare significativamente le prestazioni del motore e l’efficienza del consumo di carburante.

4. Guasto al sistema di accensione

Il sistema di accensione di un veicolo è in realtà responsabile della combustione, o dell'”accensione”, del carburante che alimenta il motore.

In un’auto a benzina, una miscela di carburante e aria, sotto forma di vapore, viene iniettata nelle camere di combustione. Qui, avviene una rapida combustione sotto forma di una piccola esplosione controllata, innescata da una scintilla. Questa scintilla è generata da una candela di accensione, che è un componente essenziale del sistema di avviamento di un veicolo.

Nel caso delle auto diesel, il processo di base è simile, ma non richiede una scintilla per la combustione. La miscela di gasolio e aria viene infatti accesa dalla compressione esercitata dal pistone. Tuttavia, nelle giornate fredde, un componente chiamato candela ad incandescenza riscalda la camera di combustione prima dell’introduzione della miscela carburante/aria, facilitando così la combustione.

L’alimentazione per le candelette nei motori diesel e per le candele nei motori a benzina è fornita dal sistema di accensione del veicolo. Nelle auto a benzina, è necessaria una tensione molto elevata per generare la scintilla che accende il carburante, fornita dalle bobine del motore. Molte auto moderne hanno una bobina per ciascun cilindro e, in caso di guasto di una bobina, il carburante in quel cilindro non brucerà efficacemente. Questo può causare un funzionamento irregolare del motore, una riduzione della potenza e potenzialmente danneggiare il catalizzatore del sistema di scarico.

Nei veicoli diesel, il guasto delle candelette è generalmente indicato da una spia specifica (solitamente un simbolo vorticoso, simile a un insetto con antenne), mentre i problemi relativi alle candele, alle bobine e al cablaggio in un’auto a benzina sono di solito segnalati dalla spia di avaria del motore. Questi difetti, comunemente definiti “mancate accensioni”, richiedono spesso la sostituzione di una o più candele, dei cavi delle candele o delle bobine.

5. Tappo del serbatoio allentato

L’ultima possibile causa dell’attivazione della spia del motore che esaminiamo può sembrare complicata, ma spesso si rivela essere un problema semplice da risolvere: si tratta di un tappo del serbatoio del carburante non chiuso correttamente.

Quando apri il tappo del serbatoio, fai attenzione a eventuali soffi d’aria. Questo fenomeno è dovuto a un accumulo di pressione o a un effetto di vuoto all’interno del serbatoio. Un serbatoio del carburante non è semplicemente un contenitore con un tubo che porta al motore, ma un sistema pressurizzato complesso. Il carburante viene pompato dal serbatoio al motore e, per evitare che il serbatoio si deformi come una lattina vuota, l’aria deve sostituire il carburante pompato fuori.

Il serbatoio è dotato di uno sfiato che permette l’ingresso di aria dall’esterno per compensare il carburante in uscita. L’aria entra nel serbatoio in base alle letture di un sensore di pressione del serbatoio del carburante, che tiene conto di fattori come la temperatura, influenzando la pressione dell’aria nel serbatoio. Se il sensore non fornisce una lettura accurata, di solito ciò si traduce nell’accensione della spia del motore.

Tuttavia, le letture del sensore sono affidabili solo se il sistema del serbatoio è perfettamente sigillato, consentendo l’aria di entrare e uscire solo attraverso gli sfiati controllati. Una causa comune di perdita di pressione nel serbatoio è un tappo del serbatoio del carburante che non chiude correttamente, permettendo all’aria di entrare o uscire in modo incontrollato. Questo può portare all’attivazione della spia EML, segnalando un problema che, fortunatamente, è spesso facile da risolvere.

Cosa ne pensano i lettori:
[Total: 1]

Novità: nel nostro canale Telegram puoi trovare accessori per auto e moto scontati fino all'80%. Unisciti subito anche tu per non perderti le prossime occasioni!

Unisciti su Telegram

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.